Usi e tradizioni del caffè nel mondo

Il caffè è forse l’unica bevanda nel mondo che ha saputo integrarsi con quasi tutte le culture, sviluppando modalità di consumo e preparazione differenti a seconda degli usi e consumi locali.
In Italia il re dei caffè è senza dubbio l’espresso. Il suo metodo di preparazione riesce ad estrarre dai chicchi un vero e proprio concentrato di gusti e aromi che si differenzia da altre preparazioni, non solo per le sue caratteristiche più famose, come lo strato di crema morbida e densa e il gusto corposo, ma anche per la particolare preparazione che prevede la macinatura dei chicchi sul momento. Si sorseggia in una tazzina, molto spesso in piedi al bancone del bar, in momenti di pausa da soli o con gli amici.

In Turchia il caffè si fa nel cezve, un bricco di rame e ottone stretto e alto con un lungo manico. I chicchi vengono macinati in un macinino di ottone per ottenere una polvere molto sottile e dopo aver fatto bollire per due volte consecutive l’infusione, viene servito in piccole tazze, generalmente dopo i pasti. In India e nei Paesi arabi questo caffè viene aromatizzato con spezie come la cannella o il cardamomo.

In Etiopia la preparazione del caffè nero avviene rispettando tutte le fasi: dalla tostatura alla macinatura dei chicchi, fino all’infusione nella tipica caffettiera di terracotta chiamata jebena. Anche in questo caso il caffè è servito aromatizzato con cardamomo, zenzero o cannella.

A Vienna, patria della cultura del caffè in Europa, il caffè non si beve in velocità come in Italia, ma si gusta seduti al tavolo accompagnandolo a una fetta di torta o con la lettura di un buon quotidiano. Nel corso dei secoli la capitale austriaca ha inventato più di 50 modi di preparare il caffè: tra i più famosi citiamo il Melange, simile a un cappuccino e l’Einspänner, un espresso servito in un bicchiere con panna montata.

Ad accumunare le diverse tradizioni è sicuramente la passione per il caffè: bevanda dell’ospitalità, della convivialità e del buon auspicio… E noi lo sappiamo bene!

2019-11-28T11:22:40+00:00 28 Novembre 2019|News|