La pausa caffè degli italiani: le tradizioni più diffuse – Il Centro – Italia

Per la popolazione italiana la pausa caffè è un vero e proprio rituale non solo per gli appassionati, ma soprattutto per il momento di relax che ne comporta.
Se ti stai chiedendo se in tutte le regioni d’Italia questo attimo viene vissuto alla stessa maniera, la risposta è no. Abbiamo già parlato delle usanze nel Nord-Italia, ma quali sono le abitudini nelle regioni centrali del Belpaese? Scoprile con noi!

Emilia Romagna

Patria di Segafredo Zanetti e dei caratteristici Dolce Mattone e Torta Barozzi, la regione vede il caffè come prodotto d’eccellenza e parte integrante della tradizione Emiliana da consumare da solo o in accompagnamento ai dolci tipici della regione.

Toscana

Nella zona di Livorno è possibile gustare il Ponce, ispirato al classico Punch britannico composto da tè, zucchero, cannella, limone e rum delle Antille. La differenza consiste nella sostituzione del tè con il caffè e ‘rum fantasia’ al posto di quello delle Antille. Si gusta rigorosamente caldo per permettere allo zucchero di fondersi perfettamente con gli altri elementi.

Umbria

In Umbria possiamo trovare il caffè unito alla dolcezza del cioccolato, grazie a un caratteristico liquore tipico non troppo alcolico e adatto a tutti, ottimo come digestivo a fine pasto o bevuto proprio durante una pausa caffè.

Marche

In questa regione il caffè viene rigorosamente corretto con liquori tipici locali e nella versione più tradizionale viene preparato con il liquore Varnelli, in grado di esaltarne i sentori o con l’Anisetta Meletti a base di anice verde.

Conoscevi queste usanze regionali? Continua a seguirci per scoprire anche quelle del Sud Italia!

2020-02-06T10:34:51+00:00 6 Febbraio 2020|News|